Impressioni dal Diario di Viaggio di un Pellegrino.

Impressioni dal Diario di Viaggio di un Pellegrino… parte 2 da Calci a Lucca…

La certosa di Calci, Cammino di santa Giulia, Impressioni dal Diario di Viaggio di un Pellegrino.

L’alba sulla certosa di Calci

«Le sette del mattino e sono appena uscito in strada… che aria fresca!, con l’entusiasmo si miscela in un lungo inspiro, si!… oggi mi sento davvero bene!, proprio adesso, davanti a me, la scura silhouette dei monti Pisani è contrastata da un timido sole, che tentando di farsi breccia tra le nubi, effonde una lieve evanescenza velata, come filtrata, da un’indefinita tela di lino fluttuante.

Un’altra tappa da affrontare, un altro giorno lungo questo cammino e il solo pensiero mi elettrizza, il tempo incerto, di stamattina, cela una sensazione… di incognita, una luce dal fascino silenzioso, ideale compagna in questa grande giornata!».

Camminando mi lascio alle spalle il convento, un luogo di pace dove sono stato ospitato stanotte, addolcisco il silenzio attraverso il rumore sordo dei miei passi, risvegliato dal frivolo cinguettio degli uccellini, che insieme a me, salutano questa Domenica mattina del due di Settembre del 2012.

 

cammino di santa Giulia, Impressioni dal Diario di Viaggio di un Pellegrino.

Un tratto di Sentiero della tappa n.s del Cammino

 

La meta di oggi è Lucca, e da subito vengo catturato emotivamente dal tracciato: «possibile! sono ancora così vicino al centro abitato ed all’improvviso tutto si colora! una stradina in ciottoli di pietra, ulivi, coltivazioni collinari, terrazzamenti…» è bastato girare ad un bivio e il sentiero, che da Calci mi porterà a Vorno, a preso una conformazione davvero irresistibile.

Be segno che Calci ha conservato un rapporto tra densità urbanistica e verde invidiabile, infatti da subito vengo coinvolto in un percorso che fino ad oggi non conoscevo, d’altra parte questa traccia, come altre del Cammino sono state configurate a suon di click del mouse, davanti ad un monitor guarnito di mappe, poi, sia per mancanza di tempo, che per altre ragioni del caso, non tutti i tracciati sono stati testati, prima della partenza del cammino.

Impressioni dal Diario di Viaggio di un Pellegrino, il cammino di santa Giulia In fondo, uno degli aspetti dei pellegrinaggi che esteriormente avvince, sta proprio in questo, avventurasi su percorsi, che fino a quel momento non si conoscevano per viverli.
Sentieri, boschi, località che altrimenti non avrei mai avuto l’occasione di percorrerli, ma grazie al Cammino di Santa Giulia, adesso sono davanti a me in tutta la loro bellezza.
A piedi! …in solitario, un binomio perfetto dove tutto è riflettere…, il silenzio dei percorsi, il suono dei passi ci aiutano e rendano questa esperienza unica, inimitabile, specialmente quando i giorni si alternano, si sommano scanditi dal proprio lento procedere.

Una soglia meditativa personale, che grazie alla configurazione dei tracciati ha preso forma, in questo cammino la caratteristica naturalistica ha il suo giusto spazio, è caratterizzata poi dalle destinazioni prefissate, luoghi ideali in cui ampliare le proprie vedute.

Impressioni dal Diario di Viaggio di un Pellegrino, Il cammino di santa Giulia
Mentre percorro il tracciato, che da Calci mi porterà a Lucca, lungo questa tappa avverto da subito la differenza di spirito che quest’anno sta caratterizzando tutto l’itinerario, mi sento rilassato, trascinato emotivamente dai luoghi, mentre affronto le prime salite e mi avvicino al bivio di Campo di Croce.
Crocevia dei sentieri dei Monti Pisani, fulcro del tracciato odierno, è il punto più in alto, da qui scollinerò per scendere verso la piana di Lucca.
Valicato questo primo scalino altimetrico, colgo una suggestione, mi viene da pensare alle altre salite, agli altri passi montani che mi aspetteranno, da questo momento in poi.
Dopo questo leggero ostacolo, nei prossimi giorni, gradualmente dovrò affrontarne altri, in una scala altimetrica, in una sequenza progressiva sempre più impegnativa, vivendo una marea di suggestioni, attraverso un saliscendi di percorsi ed emozioni.
Impressioni dal Diario di Viaggio di un Pellegrino.
Lasciato i Monti Pisani infatti mi aspetteranno le Apuane, la Garfagnana, il crinale del Passo delle Radici, l’Appennino Modenese, e sì! sono davvero preso da una smania positiva, da una frenetica voglia di scoprire.
«Che motore! tutte queste sensazioni!»,  Impressioni dal Diario di Viaggio di un Pellegrino. rifletto ad alta voce, mentre percorro l’Acquedotto del Nottolini, intanto il tempo sta peggiorando, le nubi si fanno sempre più minacciose.
Domani sicuramente pioverà, ma la cosa sinceramente non mi preoccupa più di tanto, tra poco sarò a Lucca, ho concluso anche questa giornata, tra meravigliosi sentieri orgoglioso del tracciato che ho appena percorso.
Impressioni dal Diario di Viaggio di un Pellegrino….Alla prossima giornata.

Post correlato
il camminare, Impressioni dal Diario di Viaggio di un Pellegrino.Thumbnail image Carlo Picchietti

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.7/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +2 (from 2 votes)
VN:F [1.9.22_1171]
Ambiente
Condizione Richiesta
Tecnica
Fattore Divertimento
Descrizione del Percorso
Configurazione del Percorso
File GPX
Qualità dell'Articolo
Rating: 9.5/10 (1 vote cast)
Impressioni dal Diario di Viaggio di un Pellegrino., 9.7 out of 10 based on 3 ratings

2 Replies to “Impressioni dal Diario di Viaggio di un Pellegrino.”

  1. Gabriele

    Come sempre splendido come immagini e testo.
    Emozionante e coinvolgente. Grazie! 🙂

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
    Reply
  2. Luigina

    Confermo il commento di Gabriele e aggiungo che il desiderio di seguire le tue orme su questo cammino aumenta sempre più. Grazie

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.